Sibiu Tour 2020

Finalmente è giunto il momento di tornare a parlare di gare. Dalla conclusione della Paris-Nice sono trascorsi oltre quattro mesi privi di appuntamenti riservati al ciclismo professionistico – se si eccettuano le sfide tra le piattaforme virtuali. Ecco perché, dunque, l’edizione 2020 del Sibiu Cycling Tour non è come tutte le altre – e non solo per essere il decimo anniversario dalla nascita di questa piccola ma ambiziosa prova che si snoda nell’omonima provincia della Romania centrale, in un paese in forte espansione ciclistica.

Prevista inizialmente nei primi giorni di luglio, la corsa è stata posticipata di tre settimane in ragione delle disposizioni vigenti nel paese; tuttavia è proprio in quest’ultimo periodo che il numero di contagi in Romania si è fatto cospicuo, lasciando tuttavia il distretto di Sibiu con una situazione di relativa calma in virtù della sporadicità di casi nel territorio. Ciò nonostante, alcune formazioni che avrebbero dovuto partecipare all’evento hanno preferito rinunciare in extremis; è il caso dell’Alpecin-Fenix di Van der Poel, della Gazprom-RusVelo, del Team Felbermayr-Simplon Wels, della Sangemini-Trevigiani e soprattutto dell’Androni Giocattoli-Sidermec, vincitrice delle ultime tre edizioni con Bernal, Sosa e Rivera.

Cinque le tappe raccolte in quattro giorni: l’apertura è con un veloce prologo tra le strade del centro città, dove gli specialisti possono essere beffati dai velocisti. Sprinter che non dovrebbero farsi scappare né la prima (anche se il terreno potrebbe prestarsi a fughe da lontano) né l’ultima frazione in linea, mentre le due frazioni rimanenti sono appannaggio degli scalatori. L’appuntamento simbolo della corsa è l’arrivo poco sopra quota 2000 di Balea Lac. salita dura e che, per certi versi, assomiglia allo Stelvio, seppur in piccolo. Lunga quasi 24 km, vanta una pendenza media del 6.1%, punte poco superiori al 9% e presenta diversi tornanti che rendono particolarmente scenografico l’approdo in vetta. Nella semitappa mattutina domenicale debutta la cronoscalata a Paltinis, ascesa pedalabile con solo un paio di tratti con pendenze in doppia cifra.

Per la prima volta nella storia della corsa saranno al via squadre World Tour; vuol fare la parte del leone la Bora Hansgrohe, che vuol far le cose per bene e porta due capitani di spessore come Pascal Ackermann, indiscusso uomo da battere per le volate, e Patrick Konrad che, accompagnato da Gregor Mühlberger, può diventare il primo austriaco a conquistare la generale. Dal canto suo, la Israel Cycling Academy risponde con il duo Rudy Barbier e Mihkel Räim per gli sprint, Matteo Badilatti per la salite e lo specialista Matthias Brändle per il prologo.

Tre le formazioni Professional presenti, tutte al debutto. La Bardiani CSF Faizanè schiera, fra gli altri, Luca Covili e Matteo Pelucchi, la Nippo Delko Provence si affida all’idolo di casa Eduard Grosu e a Hideto Nakane, la Vini Zabù KTM punta su Manuel Bongiorno e Riccardo Stacchiotti, vincitore un anno fa della frazione conclusiva. Nella nazionale rumena tutte le speranze sono riposte su Serghei Tvetcov, spesso protagonista nel passato.

Ricca la lista di Continental, con quelle di matrice italiana a far la parte del leone; la più attesa è senza ombra di dubbio la Giotti Victoria, che in patria vuol far risultato con Andrea Guardini e Federico Zurlo, senza dimenticare il giovane Emil Dima per la generale. Il Cycling Team Friuli ha in Davide Bais una bella carta per la generale e in Filippo Ferronato l’uomo per le volate. La D’Amico UM Tools fa affidamento sugli ex professionisti Michael Bresciani e Luca Raggio, discorso che vale anche per la Amore&Vita-Prodir che ha Davide Appollonio e Marco Tizza, vincitore nel 2019 a Paltinis. Prima volta, invece, per la Work Service Dynatek Vega che può togliersi qualche soddisfazione con Antonio Santoro e Paolo Totò; in gara anche colui che si impose nella generale del 2013, un certo Davide Rebellin, pronto ad indossare la maglia della Meridiana Kamen.

Tra le altre formazioni di terzo livello ci sono alcuni nomi che possono aspirare a risultati interessanti: è il caso dei polacchi Maciej Paterski (Wibatech Merx), Pawel Bernas (Mazowsze Serce Polski) e Pawel Cieslik (Voster ATS), della coppia ceca Michal Schlegel e Frantisek Sisr (Elkov-Kasper) e del neerlandese Ivar Slik (A Bloc CT), capace di far suo il prologo di un anno fa.

La startlist ufficiale

Bora Hansgrohe
1 KONRAD Patrick
2 MÜHLBERGER Gregor
3 SCHILLINGER Andreas
4 SCHWARZMANN Michael
5 ACKERMANN Pascal
6 SELIG Rüdiger
Israel Start-Up Nation
11 BRÄNDLE Matthias
12 BARBIER Rudy
13 BADILATTI Matteo
14 RÄIM Mihkel
15 SAGIV Guy
16 TUREK Daniel
Nippo Delko Provence
21 GROSU Eduard-Michael
22 DE ROSSI Lucas
23 NAVARDAUSKAS Ramūnas
24 NAKANE Hideto
25 ROCHAS Rémy
26 TRARIEUX Julien
Vini Zabù-KTM
31 STACCHIOTTI Riccardo
32 BEVILACQUA Simone
33 TORTOMASI Leonardo
34 WACKERMANN Luca
35 BONGIORNO Manuel
36 BUSATO Matteo
Bardiani CSF Faizanè
41 COVILI Luca
42 DALLA VALLE Nicolas
43 FIORELLI Filippo
44 FILOSI Iuri
45 PELUCCHI Matteo
Team Novak
51 SANÒ Simone
52 DEMENTYEV Yegor
53 NOVAK Carol Eduard
54 RÓZSA Balázs
55 SZENTPETERI Andras
Giotti Victoria
61 ZURLO Federico
62 JITARU Ciprian
63 GUARDINI Andrea
64 DIMA Emil
65 FILUTÁS Viktor
66 ONESTI Emanuele
A Bloc CT
71 VAN DER VEEKENS Mel
72 SLIK Ivar
73 JANSSEN Adriaan
74 APPEL Stijn
75 WEULINK Meindert
76 DE JONG Jeen
Akros Excelsior Thömus
81 DEVAUX Thomas
82 FROIDEVAUX Robin
83 DEBONS Antoine
84 CAPRON Remi
85 THIÉBAUD Valère
86 ZOBRIST Manuel
Elkov-Kasper
91 SISR František
92 HNÍK Karel
93 BÁRTA Jan
94 KUKRLE Michael
95 SCHLEGEL Michal
96 TOUPALIK Adam
Cycling Team Friuli
101 BAIS Davide
102 FERRONATO Filippo
103 NESSLER Martin
104 PIETROBON Andrea
105 PETRELLI Gabriele
D'Amico UM Tools
111 BRESCIANI Michael
112 RAGGIO Luca
113 RINALDI Nicholas
114 NESI Nicolas
115 MARTINELLI Ivan
116 GHIGINO Valter
Amore&Vita-Prodir
121 APPOLLONIO Davide
122 TIZZA Marco
123 ZULLO Antonio
124 MARCHESINI Riccardo
125 PETELIN Charly
126 MEUCCI Andrea
Mazowsze Serce Polski
131 KUREK Adrian
132 BANASZEK Adrian
133 BERNAS Paweł
134 RUTKIEWICZ Marek
135 PODLASKI Michał
136 PIASKOWY Emanuel
CCC Development Team
141 KELEMEN Petr
142 KRAWCZYK Szymon
143 GORAK Dominik
144 PEKALA Piotr
145 TRACZ Szymon
146 WALKOWIAK Kacper
Voster ATS
151 STOSZ Patryk
152 BROŻYNA Piotr
153 CIEŚLIK Paweł
154 STACHOWIAK Adam
155 GRABIS Mateusz
156 SYKALA Wojciech
Bike Aid
161 WOLF Justin
162 VAN ENGELEN Adne
163 BERGSTROM FRISK Erik
164 SCHNAPKA Matthias
165 CARSTENSEN Lucas
166 HOLLER Nikodemus
Meridiana Kamen
171 REBELLIN Davide
172 KALABA Dušan
173 MARENZI Lorenzo
174 BARAć Antonio
175 LOJEN Matija
176 MATEK Lovro
Work Service Dynatek
181 TOTÒ Paolo
182 PUCCIONI Dario
183 COLOMBO Raul
184 BURCHIO Federico
185 SANTORO Antonio
186 ROTONDI Matteo
Team SKS Sauerland
191 ADAMIETZ Johannes
192 MÜNSTERMANN Per
193 HODAPP Johannes
194 KULBE Lars
195 GIESSELMANN Michel
196 KNOLLE Jon
Wibatech Merx
201 PATERSKI Maciej
202 BUDYAK Anatoliy
203 SZOSTKA Pawel
204 BUDZINSKI Tomasz
205 BUDZINSKI Marcin
206 KUKLEWICZ Karol
Romania
211 ȚVETCOV Serghei
212 CRISTA Daniel
213 PLESEA Valentin
214 BIDILICI Andrei Cosmin
215 MARCU Adi Narcis
216 VAIDIAN Iustin-Ioan

La corsa in tv

La corsa verrà trasmessa tutti i giorni in diretta streaming. Gli orari ed i link sono rintracciabili nella guida tv di Cicloweb

Le tappe

Giovedì 23/7 - Prologo: Sibiu - Sibiu (Cronometro - 2.5 km)

Partenza primo corridore: Sibiu ore 18 (ore 17 in Italia)
Arrivo ultimo corridore: Sibiu ore 20 circa (ore 19 circa in Italia)

Sprint: Nessuno
Gpm: Nessuno

Venerdì 24/7 - 1a tappa: Sibiu - Balea Lac (182 km)

Partenza: Sibiu ore 11 (ore 10 in Italia)
Arrivo: Sibiu ore 15.10 circa (ore 14.10 circa in Italia)

Sprint: Orlat Manastire km 17.9, Cisnadie km 112.1, Avrig km 135.1
Gpm: Poiana (910 m-7.1 km-3.5%-2a cat.) km 40.7, Apoldu (590 m-4.8 km-3.6%-3a cat.) km 65.7, Balea Lac (2040 m-23.6 km-6.1%-HC) km 183

Sabato 25/7 - 2a tappa: Sibiu - Sibiu (181 km)

Partenza: Sibiu ore 14 (ore 13 in Italia)
Arrivo: Sibiu ore 18.45 circa (ore 17.45 circa in Italia)

Sprint: Nocrich km 29, Agnita km 54.3, Avrig km 103.2
Gpm: Dealul Daii (531 m-4.3 km-3.2%-3a cat.) km 5.8, Vard (535 m-2.2 km-4.1%-3a cat.) km 61.4, Cisnadioara (595 m-1.9 km-5.5%-3a cat.) km 141.7, Calugarul (771 m-1.8 km-5.6%-3a cat.) km 156.6

Domenica 26/7 - 3a tappa 1a semitappa: Rasinari - Paltinis (Cronoscalata - 12.5 km)

Partenza primo atleta: Rasinari ore 10.30 (ore 9.30 in Italia)
Arrivo ultimo atleta: Paltinis ore 13 circa (ore 12 circa in Italia)

Sprint: Nessuna
Gpm: Paltinis (1304 m-11.8 km-5.4%-1a cat.) km 159.4

Domenica 26/7 - 3a tappa 2a semitappa: Sibiu - Sibiu (109 km)

Partenza: Sibiu ore 18 (ore 170 in Italia)
Arrivo: Sibiu ore 20.05 circa (ore 19.05 circa in Italia)

Sprint: Orlat Manastire km 56.6
Gpm: Nessuno

Albo d’oro

2019Kevin Rivera (CRC)Daniel Muñoz (COL)Radoslav Rogina (CRO)
2018Iván Ramiro Sosa (COL)Aleksey Rybalkin (RUS)Alexander Vlasov (RUS)
2017Egan Bernal (COL)Colin Stüssi (SUI)Valentin Baillifard (SUI)
2016Nikolaj Mihajlov (BUL)Francesco Gavazzi (ITA)Alex Turrin (ITA)
2015Mauro Finetto (ITA)Davide Rebellin (ITA)Serghei Tvetcov (ROM)
2014Radoslav Rogina (CRO)Davide Rebellin (ITA)Primož Roglic (CRO)
2013Davide Rebellin (ITA)Matija Kvasina (CRO)Constantino Zaballa (SPA)
2012Víctor de la Parte (SPA)Matija Kvasina (CRO)Artyom Topcanyuk (UCR)
2011Alessio Marchetti (ITA)Oleksandr Šejdyk (UCR)Sascha Weber (GER)

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile