Un momento della 6 Giorni delle Rose
Un momento della 6 Giorni delle Rose

6 Giorni delle Rose, queste le 18 coppie in gara. Grandi nomi anche tra le donne

Mancano solo due giorni al via della ventitreesima edizione della 6 Giorni delle Rose, primo appuntamento del calendario internazionale su pista dopo la ripartenza. Al velodromo Attilio Pavesi di Fiorenzuola d’Arda saranno diciotto le coppie di atleti che si cimenteranno per conquistare il titolo.

Presenti anche i vincitori dell’anno passato, stavolta però separati: Michele Scartezzini farà coppia con Francesco Lamon mentre Davide Plebani gareggerà con Stefano Moro. Le altre coppie azzurre sono quelle composte da Matteo Donegà ed Emanuele Amadio e quella con Mattia Pinazzi e il più esperto Liam Bertazzo.

Alto il livello delle quattordici coppie straniere, a cominciare dai neerlandesi Yoeri Havik e Jan Willem van Schip, dai francesi Morgan Kneisky e Kévin Vauquelin, dai tedeschi Maximilian Beyer e Moritz Malcharek, dagli svizzeri Tristan Marguet e Claudio Imhof e dai greci Christos Volikakis e Zafeiris Volikakis, secondi nel 2019.

Completano il campo partenti i cechi Nicolas Petrula e Jan Kraus, i greci Orestis Raptis e Zisis Soulios, i neerlandesi Roy Eefting e Roy Pieters, i tedeschi Calvin Dik e Franz Gross, i polacchi Wojciech Pszczolarski e Daniel Staniszewski, i danesi Arne Birkemose e Anders Fynbo, i polacchi Filip Prokopyszyn e Bartosz Rudyk, gli svizzeri Nicolò De Lisi e Nico Selenati, i cechi Daniel Babor e René Smékal.

Di livello ancor più elevato sarà la partecipazione alle gare femminili, in programma negli ultimi tre giorni della manifestazione. Si presenteranno ad esempio al via le tre coppie che sono salite sul podio della madison al Campionato del Mondo su pista di Berlino dello scorso febbraio, quindi ecco le neerlandesi Kirsten Wild e Amy Pieters, le francesi Clara Copponi e Marie Le Net, le azzurre Letizia Paternoster ed Elisa Balsamo. Tra le altre atlete al via ecco la belga Lotte Kopecky, la spagnola Tania Calvo e le italiane Vittoria Guazzini e Marta Cavalli.

Da segnalare che l’accesso all’impianto sarà contingentato, nel rispetto delle norme vigenti, con l’obbligo di mantenere il distanziamento sociale e di indossare la mascherina all’interno del Velodromo. Chi vorrà seguire le gare della 6 Giorni dal vivo dovrà anche compilare il modulo di autocertificazione.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile