La Deceuninck conferma: Jakobsen è sveglio, muove gli arti e reagisce agli stimoli

Con un comunicato, la Deceuninck-Quick Step ha diramato un aggiornamento riguardante le condizioni di salute di Fabio Jakobsen, sfortunato protagonista della rovinosa caduta sul rettilineo di arrivo della prima tappa del Tour de Pologne. Due giorni dopo l’incidente, come già anticipato da un annuncio degli organizzatori della corsa, il giovane è stato risvegliato oggi pomeriggio dal coma indotto in cui versava da mercoledì.

Operato per cinque ore nella notte di giovedì al fine di ridurre le fratture al volto, Fabio è subito riuscito a muovere le gambe e le braccia nonché è stato capace di comunicare con i dottori, aspetto questo che esclude problemi neurologici. Data la complessità dell’intervento, il ventitreenne avrà difficoltà nel breve periodo nel parlare e nell’alimentarsi e il processo di recupero si preannuncia lungo e complesso.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile