Una foto della Colombia ad Innsbruck © Federación Ciclismo de Colombia
Una foto della Colombia ad Innsbruck © Federación Ciclismo de Colombia

Ecco la Colombia per Imola: ci sono tutti i big del Tour tranne Bernal

Fra tutte le nazioni, probabilmente è la Colombia quella che ha meno gradito il cambio di sede dei Campionati del Mondo su strada 2020: il tracciato elvetico di Martigny, con la dura salita del Col de la Forclaz da ripetere più volte, era parecchio adatto alle caratteristiche degli escarabajos, che sul ben più accidentato e frastagliato percorso di Imola potrebbero trovare maggiori difficoltà.

Il commissario tecnico Carlos Mario Jaramillo ha chiamato otto scalatori per prendere parte alla prova in linea élite maschile; ben sette elementi sono reduci dal Tour de France. Tra di loro manca il nome più atteso, quello di Egan Bernal; stante la precaria condizione mostrata nelle ultime tappe, l’uomo della Ineos Grenadiers salterà l’impegno iridato.

Due i corridori dell’Astana Pro Team, vale a dire Miguel Ángel López e il giovane Harold Tejada, ben tre, invece, quelli della EF Pro Cycling: se Daniel Martínez e Rigoberto Urán stanno attraversando un ottimo periodo di forma, meno si può dire per Sergio Higuita, costretto al ritiro dalla Grande Boucle nella tappa di domenica, ma comunque abile per rispondere alla convocazione. Presenti anche Esteban Chaves (Mitchelton-Scott) e Nairo Quintana (Team Arkéa-Samsic); completa la formazione l’esperto Sergio Luis Henao (UAE Team Emirates).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile