L'Italia femminile in ricognizione sul circuito iridato © Imola 2020
L'Italia femminile in ricognizione sul circuito iridato © Imola 2020

Scelte le riserve dell’Italia per le prove in linea dei Mondiali di Imola 2020

I commissari tecnici Davide Cassani e Dino Salvoldi hanno fatto le loro scelte decisive e oggi sono stati definiti titolari e riserve dell’Italia per le due prove in linea dei Campionati del Mondo di Imola 2020. Per quanto riguarda le donne, che correranno sabato 26 settembre sulla distanza di 5 giri e 144 chilometri complessivi, Salvoldi si affiderà ad Elisa Longo Borghini, Marta Cavalli, Elena Cecchini, Tatiana Guderzo, Erica Magnaldi, Soraya Paladin e Katia Ragusa. «È ormai scontato dire che le favorite sono le olandesi – ha dichiarato Salvoldi – ma ci sono tante altre ottime formazioni che sicuramente cercheranno di mettere in difficoltà le orange. Tra queste anche noi. Faremo di tutto per onorare il mondiale in casa». Le due riserve saranno Elisa Balsamo e Debora Silvestri.

Domenica 27 settembre nella prova in linea maschile, come già si presumeva, a restare ai box saranno i giovani Nicola Conci e Matteo Fabbro. In gara agli ordini di Davide Cassani ci saranno quindi Andrea Bagioli, Alberto Bettiol, Gianluca Brambilla, Damiano Caruso, Fausto Masnada, Vincenzo Nibali, Diego Ulissi e Giovanni Visconti. Questo il commento del ct Cassani: «Non siamo la Nazionale favorita, ma abbiamo dalla nostra coesione e e siamo abituati alle grandi sfide. Nelle ultime settimane ho perso Ciccone e Formolo, che in un percorso del genere sarebbero stati molto utili. L’incertezza sull’assegnazione del mondiale non ha giovato, ma sapevamo che in qualsiasi caso sarebbe stato un tracciato simile a quello svizzero, quindi l’idea di gruppo più o meno è rimasta la stessa. La gara sarà dura, i favoriti sono altri, ma noi possiamo puntare su qualcosa che nel ciclismo è sinonimo di Italia: la squadra».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile