Sara Casasola prima a Mlada Boleslav © Twitter
Sara Casasola prima a Mlada Boleslav © Twitter

Casasola sola sola nel fango della Toi Toi Cup. In Belgio Iserbyt firma la prima

Faticosamente, tra una cancellazione e l’altra di diversi tra i prossimi appuntamenti, è ripartita la stagione del ciclocross, e oggi in Repubblica Ceca c’è da segnare uno squillo azzurro: Sara Casasola si è imposta nella prima tappa della Toi Toi Cup, in quel di Mlada Boleslav. Sotto un acquazzone e in un lago di fango, l’italiana si è imposta in solitaria precedendo di 38″ la francese Marion Norbert Riberolle e di 1’43” l’austriaca Nadja Heigl; giù dal podio le ceche Pavla Havlikova a 1’57” e Nikola Bajgerova a 2’10”; tra gli uomini affermazione per il padrone di casa Michael Boros, che si è involato nel finale precedendo di 13″ il belga Lander Loockx, di 19″ il francese Mickaël Crispin, di 33″ l’altro belga Seppe Rombouts e di 37″ l’altro transalpino Antoine Benoist. In gara l’azzurro Tommaso Bergagna, 35esimo. Meglio Lorenzo Masciarelli, decimo tra gli juniores nella prova vinta da Matej Stransky, mentre ben tre italiane in top ten tra le juniores: terzo posto per Elisa Rumac, quinto per Lisa Canciani e sesto per Alice Papo, in una gara dominata dalle padrone di casa Julia Kopecky e Katerina Hladikova. La seconda prova di challenge è in programma già domani a Holé Vrchy.

Cambiando scenario, in Belgio si è disputato a Lokeren il Rapencross, che apre l’Ethias Cross, challenge minore ma sempre molto interessante. Tra gli élite netta affermazione (la prima stagionale) per Eli Iserbyt, che si è involato già alla seconda delle nove tornate e ha proseguito in assoluta solitudine fino al traguardo, tenendo a distanza i non teneri rivali di giornata; piazza d’onore per Toon Aerts a 42″, volata a due per il gradino basso del podio con Laurens Sweeck che ha preceduto Michael Vanthourenhout a 1’10”; più distanziati Toon Vandebosch, Ryan Kamp, Lars Van der Haar, Niels Vandeputte, Jim Aernouts e Jens Adams. Tra le donne si è parlato solo olandese, con Aniek Van Alphen che ha preceduto Manon Bakker e Lucinda Brand, e con Denise Betsema e Yara Kastelijn che hanno completato una top five tutta oranje. A seguire nell’ordine d’arrivo si sono piazzate Sanne Cant, Laura Verdonschoot, Shirin Van Anrooij, Anna Kay ed Ellen Van Loy. Sabato prossimo a Kruibeke andrà in scena la seconda tappa dell’Ethias Cross.

 

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile