Anna van der Breggen conquista la Flèche Wallonne per la sesta volta © Cor Vos
Anna van der Breggen conquista la Flèche Wallonne per la sesta volta © Cor Vos

Van der Breggen, a Huy 6 imbattibile!

La campionessa del mondo in linea e a cronometro prolunga il filotto vincente alla Flèche Wallonne. Quinta Longo Borghini

L’edizione 2020 della Freccia Vallone femminile si è corsa sotto la pioggia, che ha accompagnato le atlete per quasi tutti i 132 km della Huy-Huy. La fuga iniziale ha visto la presenza delle neerlandesi Kristie van Haaften (Ciclotel) e Marieke van Witzenburg (Doltcini-Van Eyck) e la spagnola Mirela Benito (Massi Tactic), ma la loro azione è terminata a oltre 50 km dall’arrivo.

Nel corso del primo dei due passaggi sul Muro di Huy, a 32 km dal termine, la corsa si è animata con l’accelerazione di Ashleigh Moolman (CCC Liv): il gruppo si è così spezzato, con solo una trentina abbondante di unità a far parte del gruppo buono tirato dalla Trek-Segafredo con Audrey Cordon e Ruth Winder; sulla penultima côte di giornata, la Côte de Chemin des Gueuses ai meno 10 km, inizia il lavoro della Boels-Dolmans con Amy Pieters e Chantal Blaak, per un plotone che si riduce a ventuno unità. Particolarmente sfortunata Katia Ragusa: la vicentina dell’Astana Women’s Team fora proprio sullo strappo e non ha più modo di rientrare.

Queste le venti che giungono sotto l’arco dell’ultimo km a giocarsi la vittoria: Van der Breggen, Blaak, Pieters, Brown, Kennedy, Vos, Moolman, Vollering, Niewiadoma, Barnes, Deignan, Longo Borghini, Ludwig, Lippert, Mackaij, Chursina, Aalerud, Fisher-Black, Harvey, Cavalli e Stephens.

Sin da subito detta il ritmo Anna van der Breggen, che sfila il gruppo con il suo ritmo deciso: alla sua ruota restano Longo Borghini, Vollering, Uttrup Ludwig, Deignan, Lippert, Moolman e Niewiadoma. Metro dopo metro sono in tre a guadagnare, ossia Van der Breggen, Vollering e Uttrup Ludwig: sono loro a giocarsi il successo in volata, ma non c’è storia.

Anna van der Breggen vince per il sesto anno di fila la Flèche Wallonne, entrando ancora di più nei libri di storia, superando la connazionale Marianne Vos con cui condivideva il primato. Sul podio assieme alla neocampionessa del mondo della Boels-Dolmans salgono la danese Cecilie Uttrup Ludwig (FDJ-Nouvelle Aquitaine) e l’altra neerlandese Demi Vollering (Parkhotel Valkenburg), classificate a 2″ e 6″.

Seguono la britannica Lizzie Deignan (Trek-Segafredo), la piemontese Elisa Longo Borghini (Trek-Segafredo), la sudafricana Ashleigh Moolman (CCC-Liv) e il neozelandese Mikayla Harvey (Équipe Paule Ka) a 11″, la tedesca Liane Lippert (Team Sunweb) a 18″, la neerlandese Marianne Vos (CCC-Liv) e la polacca Katarzyna Niewiadoma (Canyon-SRAM) a 25″.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile