L'arrivo della Brugge-De Panne 2020: D'Hoore esulta, ma la vittoria è di Wiebes © Team Sunweb
L'arrivo della Brugge-De Panne 2020: D'Hoore esulta, ma la vittoria è di Wiebes © Team Sunweb

Brugge-De Panne: D’Hoore prima ma declassata, vittoria a Wiebes

Una gara di un giorno di 156 chilometri completamente pianeggiante può offrire un bello spettacolo? Sì, se siamo in Belgio e c’è il vento a movimentare il tutto. La terza edizione della Brugge-De Panne femminile, gara che fa parte del circuito Women’s World Tour, è stata caratterizzata da una grande battaglia per tutta la corsa, tra attacchi, tentativi di fuga, ventagli, ricongiungimenti e nuovi frazionamenti. Alla fine, dopo un grande lavoro di Boels-Dolmans e Team Sunweb, è rimasto davanti un gruppo ristretto a circa venticinque unità a giocarsi il successo in volata.

Lo sprinter ha visto una grandissima accelerazione di Jolien D’Hoore che però negli ultimi 100 metri ha subito la rimonta di Lorena Wiebes: la belga della Boels-Dolmans, che si trovava a centro strada, ha quindi iniziato a deviare verso la sua sinistra per andare a chiudere la rivale della Sunweb verso le transenne ma senza mai provare un contatto pericoloso. Sul traguardo D’Hoore è quindi passata per prima con pochi centimetri di vantaggio su Wiebes, ma quella mossa in volata non è piaciuta alla giuria che è andata subito a rivedere le immagini: il risultato è stato il declassamento della D’Hoore, con la vittoria attribuita a Lorena Wiebes, al secondo successo con la maglia della Sunweb.

La seconda posizione è andata quindi alla tedesca Lisa Brennauer con Lotte Kopecky terza e Sarah Roy quarta. Quinto posto per Sofia Bertizzolo, la migliore delle italiane, ma si segnala anche il settimo posto della sempre presente Elisa Longo Borghini che nell’ultimo chilometri ha speso tanto per provare a chiudere su un attacco in extremis di un’atleta della Sunweb

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile