Marianna Fidanza morde l'oro © Bettiniphoto
Marianna Fidanza morde l'oro © Bettiniphoto

Europeo Pista a Plovdiv: Fidanza regina dello Scratch, quartetti in corsa per l’oro

La prima giornata del “ridotto” Europeo su Pista di Plovdiv, in Bulgaria, vede l’Italia entrare nel medagliere già al primo evento: Martina Fidanza ha conquistato l’oro in una prova della Scratch femminile abbastanza anarchica e sorprendente. La vittoria sembrava difatti sorridere alla bielorussa Hanna Tserakh, la quale però è totalmente scoppiata nel finale; la Fidanza, in rimonta negli ultimi giri, ha ripreso la sfortunata bielorussa all’ultima curva; bronzo all’ucraina Tetyana Klimchenko.

Sul fronte medaglie, l’Italia ne conquisterà sicuramente altre due domani: pronostico facile data la ridotta partecipazione alle prove di Inseguimento a Squadre. Non era scontato però accedere alla finale per l’oro per gli uomini, data anche la formazione del tutto improvvisata composta da Francesco Lamon, Stefano Moro, Johnathan Milan e Gidas Umbri: l’inedito quaretto si è comportato ottimamente, conquistando il secondo tempo in qualificazione a 3’56’787″, e confermandosi superiore alla Svizzera in semifinale, dove i nostri sono scesi a 3’56″569 battendo di un secondo Imhof e soci. In finale i nostri se la vedranno con i più rodati uomini della Russia, che hanno vinto la semifinale contro la Bielorussia per doppiaggio già al terzo km. Più semplice la situazione tra le donne, dove Rachele Barbieri, Elisa Balsamo, Chiara Consonni e Vittoria Guazzini se la vedranno contro le favorite della Gran Bretagna,  guidate da Katie Archibald ed Elianor Barker, nella finale di domani: netta la superiorità di entrambe le nazionali su Spagna e Ucraina, battute facilmente per doppiaggo: il tempo delle azzurre nelle qualifiche della mattina è stato di 4’18″209.

Altre 3 medaglie assegnate oggi: con gli olandesi assenti, netta la superiorità della Russia nelle prove di Team Sprint. Dmitriev, Yakushevskiy e Gladshiev tra gli uomini hanno battuto di quasi 1″ con un 43″007 la Repubblica Ceca di Tomas Babek, col bronzo che è andato alla Grecia; ancor più larga la differenza tra Voinova, Shmeleva e Antonova e le rivali della Gran Bretagna, con un 46″852 staccato per le vincente ed un ritardo di più di un secondo e mezzo per le sconfitte; bronzo all’Ucraina.

Infine, gara di Eliminazione Uomini con l’oro del britannico Matthew Walls che è stato graziato da una squalifica di Tsiskhou quando si lottava per il podio; argento al portoghese Iuri Leitao e bronzo al russo Sergei Rostovtsev. Presenza estemporanea tra gli azzurri di Francesco Lamon, eliminato per inesperienza in 13esima posizione.

Informazioni su attività di comparazione dei siti scommesse e casino PayPal più affidabili.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile