Laurens Sweeck esulta per il successo a Niel © Belga
Laurens Sweeck esulta per il successo a Niel © Belga

Superprestige, nel fango di Niel sorridono Laurens Sweeck e Lucinda Brand

Da tempo non si vedeva un tracciato così fangoso come quello odierno a Niel, in quello che è stato il terzo appuntamento stagionale con il Supeprestige. Lo Jaarmartkcross versione maschile ha visto il primo graffio stagionale di Laurens Sweeck, che oggi si è mosso già dalla seconda tornata: sul ventiseienne si sono poi riportati Eli Iserbyt e Toon Aerts, con il primo che ha attaccato nel penultimo giro mentre Aerts si è perso causa foratura. In apparente difficoltà, Sweeck ha resistito e a metà dell’ultimo giro ha cominciato a spingere, costringendo Iserbyt ad alzare bandiera bianca nel tratto in sabbia e giungendo a 5″ dal compagno di squadra alla Pauwels Sauzen-Bingoal. Terzo a 24″ Toon Aerts (Telenet Fidea Lions), quarto a 44″ Lars van der Haar (Telenet Fidea Lions) e quinto a 46″ Corné van Kessel (Tormans Cyclocrss).

La prova femminile è stata l’ennesima puntata dell’abituale monopolio delle crossiste dei Paesi Bassi, che monopolizzano le prime cinque posizioni. A vincere, al termine di una lotta a tre, è stata Lucinda Brand: per la trentunenne della Telenet Fidea Lions è il secondo centro di un anno che l’ha sempre vista concludere sul podio. Seconda piazza per la campionessa europea Ceylin del Carmen Alvarado (Alpecin-Fenix), terza per Denise Betsema (Pauwels Sauzen-Bingoal). Completano la top five oranje Yara Kastelijn (Credishop-Fristads) a 30″ e Annemarie Worst (777) a 40″. Arrivo in contemporanea a 1’49” dalla vincitrice per le due azzurre al via, con Eva Lechner (Starcasino) undicesima e Alice Maria Arzuffi (777) dodicesima.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile