Richard Carapaz (di spalle) premia Henry Velasco, nuova maglia gialla alla Vuelta al Ecuador © Vuelta Ciclista Ecuador
Richard Carapaz (di spalle) premia Henry Velasco, nuova maglia gialla alla Vuelta al Ecuador © Vuelta Ciclista Ecuador

Cambia tutto alla Vuelta al Ecuador, quarta tappa a Joel Burbano, Henry Velasco nuovo leader

La tappa regina o forse no? Di sicuro la San Roque-La Estrellita, quarta frazione della Vuelta al Ecuador disputata ieri, ha dato una bella ripassata alla corsa, stravolgendo di netto la classifica. A vincere lassù (che più lassù non si può: 3328 metri s.l.m.!) è stato Joel Burbano (Sin Fronteras), enfant du pays essendo di Tulcán, città a 2 km dal traguardo nonché “patria” di Richard Carapaz, il quale era giustappunto presente all’arrivo a premiare i vincitori. In un arrivo a quattro Burbano ha preceduto il connazionale Henry Velasco (Eagle Bikes), Sergio Geovani Chumil (Selezione Guatemala), crometrato a 1″, e il colombiano Yonatan Andrés López (Nariño-Superbota), a 2″. Poi uno sparpaglìo mai finito, i peruviani della selezione nazionale Bill Janz Toscano a 15″ e Royner Navarro a 32″, il venezuelano Anderson Timoteo Paredes (Best PC Ecuador) a 37″, quindi un terzetto a 56″ con Diego Montalvo (Eagle Bikes), Esdras Morales (Selezione Guatemala) e Harold Martín López (Best PC Ecuador), e più indietro, davvero, uno per cantone: il protagonista delle ultime tappe Byron Guamá (Best PC Ecuador) ha chiuso 19esimo a 4’34”, il leader uscente Cristián Alexander Toro (Movistar Ecuador) 23esimo a 4’58”.

In classifica volano i primi di oggi, a parti un po’ invertite: nuovo leader della Vuelta è Henry Velasco con 1″ su Burbano a 3″ su Chumil; a seguire Royner Navarro a 43″, Santiago Montenegro (Selezione Ecuador) a 48″ dopo aver limitato i danni (ha chiuso la tappa all’undicesimo posto a 1’02” dal vincitore, il migliore tra i corridori che erano su in classifica alla partenza), e poi ancora Harold López a 53″, Morales e Paredes a 55″, voragine, Leonardo González (Selezione Guatemala) nono a 3’34” e Guamá decimo a 4’12”, subito davanti a Toro che scivola all’undicesimo posto a 4’18”.

E domani? La quinta tappa della Vuelta al Ecuador, tanto per cambiare, vedrà ancora salita: 130 km da Playón de San Francisco ad Atuntaqui e soprattutto un arrivo praticamente in salita, con l’Alto de Santiago del Rei a svettare a 3 km dal traguardo dopo 13 km di scalata (non lo Zoncolan, intendiamoci). Di sicuro ci saranno altri assestamenti, tantopiù che le prime posizioni di classifica sono ravvicinatissime.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile