Pollice in su per Van Der Poel © Twitter
Pollice in su per Van Der Poel © Twitter

A Zolder ride solo Van Der Poel

Penultima tappa del Superprestige segnata dall’infortunio a Iserbyt, inconvenienti anche per gli altri campioni. Al femminile Brand vince in volata

Giornata odierna meno entusiasmante del solito per il ciclocross di Zolder, gara tradizionalmente veloce (d’altronde si corre attorno a un circuito automobilistico) e ancor meno selettiva per il terreno asciutto; fare selezione però non è mai un problema per Mathieu Van Der Poel, specialmente sui percorsi veloci, e anche stavolta il campione del mondo è riuscito a scavare solchi giganteschi sin nelle prime fasi correndo tutta la gara in testa.
In questo frangente Van Der Poel è stato particolarmente favorito dalle sfortune accorse a tutti i principali rivali dello scenario attuale: i primi a finire fuori dai giochi sono stati Toon Aerts e Tom Pidcock, coinvolti in una caduta in una delle prime curve e partiti dalle retrovie; successivamente, Wout Van Aert ha forato al termine del primo giro, quando stava conducendo con Van Der Poel e Van Der Haar, perdendo quel tanto che bastava per non poter essere presente all’attacco di Van Der Poel.
Ma l’inconveniente peggiore è capitato a Eli Iserbyt, il quale è passato in un attimo dall’avere il Superprestige in tasca a perdere praticamente tutto: cadendo all’inizio del terzo giro si è ritrovato Van Der Haar e Van Kessel addosso. Il campione europeo ha da subito manifestato un forte dolore all’avambraccio sinistro ed è stato portato via dai sanitari: molto probabile che l’infortunio sia serio.
Il resto della gara è filato via regolare, con Van Der Poel che macinava secondi al suo passo mentre Wout Van Aert, seguito da Michael Vanthourenhout riusciva a rientrare sul gruppetto a giocarsi la seconda posizione, composto da Daan Soete, Corné Van Kessel, Laurens Sweeck e Lars Van Der Haar. Pochi patemi per il recente vincitore ad Herentals nello sbarazzarsi della compagnia cantante nel corso del penultimo giro, andandosi a prendere meritatamente il secondo posto a 38″ recuperando terreno su Van Der Poel e togliendosi la soddisfazione di realizzare anche il giro più veloce.
In ottica di challenge, situazione che si è ribaltata sorprendente a favore di Toon Aerts: il belga è apparso molto in affanno ma è riuscito a strappare una settima posizione a 55″. A suo favore ha giocato l’ottima prova di Lars Van Der Haar, che ottenendo il terzo posto appena dietro Van Aert ha strappato punti preziosi a Laurens Sweeck e Michael Vanthourenhout, rispettivamente quarto e quinto, i quali sono pericolosamente risaliti in classifica: se Iserbyt sarà vittima di un infortunio invalidante, toccherà a loro giocare le carte della Pauwels Sauzen nell’ultima prova di Middlekerke il 6 febbraio. Adesso Aerts guida con 89 punti, seguito da Iserbyt a 84, Vanthourenhout a 80 e Sweeck a 78: insomma per Aerts è quasi fatta, basterebbe un sesto posto, ma come abbiamo visto oggi la sfortuna è sempre dietro l’angolo.

Più abbottonata la corsa femminile, una prova quasi da Moto Gp con selezione da dietro: i 40 minuti di gara si sono conclusi con una volata a quattro, nella quale la favorita Lucinda Brand, nonostante qualche errore fatto in precedenza, si è imposta facendo valere la sua velocità, su Ceylin Del Carmen Alvarado, Annemarie Worst e Denise Betsema, in una volata a 4, vincendo tra l’altro la quinta prova di fila nel challenge. Diventano 3 i punti di margine con cui la Brand affronterà l’ultima tappa di Middelkerke, dove potrebbe vincere il Superprestige ed ottenere quindi il suo primo trofeo in questa seconda vita ciclocrossistica.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile