Settimo titolo nazionale per Marianne Vos nel cross © Team Jumbo-Visma
Settimo titolo nazionale per Marianne Vos nel cross © Team Jumbo-Visma

Vos, Van der Haar e tutti gli altri campioni del cross

In Olanda Marianne mette in fila la crème del settore femminile, a Lars il titolo maschile. Vincono Blanka Vas in Ungheria, Marcel Meisen in Germania, Felipe Orts in Spagna, Christine Majerus (12 maglie consecutive) in Lussemburgo

Dei campionati nazionali di ciclocross di Italia e Belgio parliamo a parte (qui e qui), i risultati di quelli degli altri principali paesi li riepiloghiamo di seguito.

Partiamo dall’Olanda, nazione guida del settore femminile. A Rucphen Marianne Vos ha conquistato in solitaria il settimo titolo in carriera ponendosi in cima a un podio sensazionale: alle sue spalle l’iridata Lucinda Brand (preceduta di 19″) e un’altra top come Ceylin Del Carmen Alvarado, terza a 32″. Senza troppa storia la prova maschile, orfana di un certo Mathieu; ha gozzovigliato Lars Van der Haar, già a segno nel biennio 2013-2014 e bravo a distanziare Corné Van Kessel (51″) e Mees Jendrikx (58″).

In Francia a Liévin giornata di prime volte, festeggiano Joshua Dubai tra gli uomini (davanti a Yan Gras e Fabien Doubey) e Line Burquier tra le donne (alle sue spalle Hélene Clauzen e Amandine Fouquenet). In Gran Bretagna (a Crawley) Harriet Harnden conferma il titolo di due anni fa (nel 2021 gli assoluti saltarono) mentre è una primizia l’affermazione del 23enne Thomas Mein tra gli uomini.

Secondo titolo di fila per Kevin Kuhn in Svizzera (a Steinmaur), anzi podio completamente confermato rispetto a 12 mesi fa, con Lars Forster e Timon Rüegg sui due gradini più bassi; in campo femminile Alessandra Keller ha preceduto Rebekka Estermann e Lise-Marie Henzelin. Tutto secondo pronostico a Xativa in Spagna, dove Felipe Orts si è imposto nettamente su Kevin Suárez e Iván Feijoo (quarta vittoria di seguito per lui) mentre Lucia González Blanco ha battuto Aida Nuno e Sofia Rodríguez (pure per lei i successi sono quattro, anche se non consecutivi).

Il pubblico di Luckenwalde ha assistito alla sesta affermazione di fila (settima totale) di Marcel Meisen nel campionato di Germania: battuti Jannick Geisler e Yannick Gruner; numeri quasi simili a quelli di Elisabeth Brandau (sesto titolo, quinto consecutivo), che ieri aveva superato Lisa Heckmann e Stefanie Paul. Sempre ieri hanno avuto luogo a Kolin i campionati della Repubblica Ceca, e qui Michael Boros si è confermato il più forte del suo paese, battendo Jakub e Adam Toupalik (quinta maglia per lui). Primo successo invece per Kristyna Zemanova davanti a Tereza Vanickova e Nikola Bajgerova.

Un po’ di altri campioni e campionesse: Blanka Kata Vas ha assecondato le attese prendendosi il quarto titolo consecutivo in Ungheria (tra gli uomini ha vinto Zsolt Bur, cinque per lui negli ultimi sette anni), lo stesso ha fatto Marek Konwa in Polonia, per lui sono addirittura dieci le maglie consecutive (tra le donne festeggia Dominika Wlodarczyk). Mario Costa e Ana Mafalda Sá sono i confermati campioni del Portogallo, in Irlanda gioie per Christopher McGlinchey e Maria Larkin, in Austria vige la legge di Daniel Federspiel e Nadja Heigl (per lei diventano nove i titoli tra le élite), in Danimarca terza volta per Simon Andreassen e quinta per Caroline Bohé, in Lussemburgo Scott Thiltges si è aggiudicato la vittoria in campo maschile ma fa più notizia la serie di Christine Majerus: 12esimo titolo di fila per lei, che insegue a distanza la belga Sanne Cant (che di vittorie consecutive ne assomma, a oggi, tredici).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile