Festa Bora Hansgrohe al Sibiu Tour: ultima tappa ad Ackermann, la generale ad Aleotti con Aru 2°

Il Sibiu Tour edizione 2021 si chiude come si era aperto, ossia nel segno di Pascal Ackermann. La terza e ultima frazione in linea della corsa rumena, lunga 205.3 km, prevedeva un tortuoso finale tra le strade del centro della città. Tutto facile per il ventisettenne della Bora Hansgrohe, che ha vinto quasi per distacco. Certo, la platea dei rivali non è di livello assoluto, ma con questa forma il tedesco sarebbe potuto essere un rivale forse più pericoloso per il Cavendish attuale rispetto a quelli che cercano, vanamente, di rendergli la vita difficile sulle strade di Francia.

Sul podio di giornata salgono il rumeno Eduard Grosu (Romania) e il britannico Matthew Walls (Bora Hansgrohe), quarto è il ceco Adam Toupalik (Elkov-Kasper), quindi seguono gli italiani Marco Canola (Gazprom-RusVelo) e Riccardo Stacchiotti (Vini Zabú), il sudafricano Reinardt Janse van Rensburg (Team Qhubeka NextHash), il polacco Marcin Budzinski (HRE Mazowsze Serce Polski), gli italiani Davide Appollonio (Amore & Vita) e Federico Burchio (Work Service Dynatek Vega).

In classifica generale non ci sono stati scossoni, per cui a laurearsi campione è Giovanni Aleotti: per il promettente emiliano è la prima corsa a tappe conquistata tra i professionisti e nell’albo d’oro succede a Mühlberger. L’alfiere della Bora Hansgrohe ha preceduto di 19″ un pimpante Fabio Aru (Team Qhubeka NextHash), di 26″ il ceco Michal Schlegel (Elkov-Kasper), di 30″ il russo Sergey Chernetski (Gazprom-RusVelo) e di 41″ l’austriaco Riccardo Zoidl (Felbermayr-Simplon Wels).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile