Lorena Wiebes vittoriosa sulle strade del Giro d'Italia Donne © Bettiniphoto
Lorena Wiebes vittoriosa sulle strade del Giro d'Italia Donne © Bettiniphoto

Lorena Wiebes vince la sua seconda tappa al Giro d’Italia Donne, ottima terza Maria Vittoria Sperotto

Nell’ottava tappa del Giro d’Italia Donne, 129.4 chilometri da San Vendemiano a Mortegliano, è andata in scena la terza sfida tra le velociste in gara ed è stata nuovamente Lorena Wiebes a tagliare il traguardo a braccia alzate. La 22enne del Team DSM aveva già vinto la quinta tappa sul traguardo di Carugate, mentre il giorno successivo a Colico si era messa a disposizione della compagna di squadra Coryn Rivera per provare a regalare anche a lei la gioia di un successo. Oggi il Team DSM è tornato ad affidarsi a Wiebes che nel finale è stata perfetta e non si è fatta sfuggire la vittoria personale numero 10 di questo 2021.

Il percorso della tappa odierna era completamente pianeggiante e sulla carta era quindi impossibile sfuggire al controllo delle squadre delle velociste, Team DSM e Movistar su tutte. Nonostante questo ci hanno provato Anastasia Carbonari e Natalia Studenikina della ASD Born to Win e Giorgia Vettorello della Top Girls-Fassa Bortolo: la fuga è partita attorno al chilometro 50, ha toccato un vantaggio massimo superiore ai tre minuti, ma alla fine le tre coraggiose battistrada sono state riprese dal plotone quando mancavano 6 chilometri all’arrivo.

Negli ultimi chilometro il Team DSM ha pilotato alla perfezione Lorena Wiebes che negli ultimi 200 metri si è trovata a sprintare con la strada libera davanti a sé e non ha lasciato scampo alle rivali: come a Carugate è stata la danese Emma Norsgaard a chiudere in seconda posizione ma senza poi riuscire ad impensierire la neerlandese. La sorpresa di giornata la troviamo invece in terza posizione: per l’Italia arriva il secondo podio di tappa di questa edizione del Giro d’Italia Donne ed a firmarlo è la vicentina Maria Vittoria Sperotto (AR Monex), nona nelle prime due volate e bravissima oggi negli ultimi 3 chilometri a saltare da una ruota all’altra per farsi trovare nella posizione ideale sull’ultimo rettilineo.

Per Sperotto c’è anche la soddisfazione di essersi lasciata alle spalle atlete del calibro di Lisa Brennauer e Marianne Vos, rispettivamente quarta e quinta. Dal sesto al nono posto troviamo poi un’altra serie di velociste italiane: nell’ordine di sono piazzate Marta Bastianelli (Alé BTC), Elena Cecchini (SD Worx), Sofia Bertizzolo (Liv Racing) ed Ilaria Sanguineti (Valcar-Travel&Service). In classifica generale tutto invariato con Anna van der Breggen in maglia rosa alla vigilia del tappone del Matajur che definirà il podio finale della corsa.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile