Under 23

Buon sangue non mente: Leo Hayter vince a Pinzolo e ora guida il Giro Under

12.06.2022 22:38

Dopo la volata della prima tappa, è l’assolo del britannico Leo Hayter (Hagens Berman Axeon) a cambiare la classifica generale del 45° Giro d’Italia Giovani Under 23. Nella seconda tappa, Rossano Veneto-Pinzolo di 166.5 km, dal Veneto al Trentino, l’arrivo vincente di Hayter ha il sapore del deja-vu: anche il fratello maggiore Ethan Hayter, nel 2019, era stato vincitore di tappe e aveva vestito la Maglia Rosa. È un ordine d’arrivo di qualità quello dominato dal 20enne londinese, nato il 10 agosto 2001, che era già stato vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi U23 e del campionato nazionale U23 a crono nel 2021.

Tanti tentativi di fuga fin dalle prime fasi di gara. Nessuno riesce a guadagnare un margine importante fino al km 35, quando il ceco Petr Kelemen (Tudor) e l’ucraino Kyrylo Tsarenko (Gallina Ecotek Lucchini) si sganciano in coppia, con un vantaggio che sale fino a toccare 6’50” nei pressi di Levico Terme (km 76). Con i punti conquistati nei GPM di Vigolo Vattaro e Stenico, Kelemen diventa il nuovo leader della classifica dei gran premi della montagna. Proprio salendo verso Stenico (km 135), a circa 30 km dalla conclusione, attacca dal gruppo Leo Hayter, che poi si riporta sui battistrada in solitaria con il gruppo, guidato dall'Équipe Continentale Groupama-FDJ, a inseguire a 1’10”.

La strada sale sempre leggermente fino al traguardo di Pinzolo. A 8 km dal traguardo, Hayter prosegue in solitaria. Per Tsarenko e Kelemen è la fine della lunga fuga di giornata, mentre Hayter non perde terreno rispetto al gruppo al suo inseguimento, fino a presentarsi a braccia alzate sul traguardo, chiudendo con 39" di vantaggio sui primi inseguitori. Nella volata del gruppo alle sue spalle, Francesco Busatto (General Store-Essegibi-F.lli Curia) precede Mattia Petrucci (Team Colpack Ballan), Martin Marcellusi (Bardiani-CSF), Nicolò Parisini (Qhubeka), Davide De Pretto (Zalf Euromobil Fior), Alex Segaert (Lotto Soudal U23), Jakob Gessner (Lotto-Kern Haus), Lorenz Van de Wynkele (Elevate p/b Home Solutions Soenens) e Lennert Van Eetvelt (Lotto Soudal U23).

La nuova classifica vede Hayter al comando con 43" su Busatto, 45" su Petrucci, 49" su Sean Flynn (Tudor), Marcellusi, Samuel Watson (Groupama), Sakarias Koller Løland (Uno-X Dare), Christian Bagatin (Carnovali-Rime) e Pierre-Pascal Keup (Lotto-Kern Haus). Domani la terza tappa, già probabilmente decisiva ai fini della corsa, sarà la Pinzolo-Santa Caterina Valfurva, 177.1 km con Campo Carlo Magno in partenza (ma solo il chilometro finale), quindi Tonale, Aprica, Passo di Guspessa (che è un versante - durissimo - per raggiungere il Mortirolo) e infine la salita che porta al traguardo. Una frazione che non sfigurerebbe al Giro d'Italia dei grandi.

(Comunicato stampa)

Notizia di esempio
A Bettiol sfugge il fuggitivo, è la prima di Leknessund