Christine Majerus esulta, ma è Ruby Roseman-Gannon a vincere © Tour of Britain
Donne Élite

La tragicomica ultima tappa della SD Worx al Tour of Britain

Come Lorena Wiebes all'Amstel, Christine Majerus esulta troppo presto e si lascia beffare da Ruby Roseman-Gannon sulla linea d'arrivo. Corsa a Lotte Kopecky

09.06.2024 22:18

Un colpo di scena ha chiuso oggi a Manchester la nona edizione del Tour of Britain femminile: la SD Worx-Protime non ha vinto. Ma questo è nulla: la cosa realmente meravigliosa è la maniera con cui ben tre cicliste del sodalizio olandese, che avevano talmente tanto in tasca la vittoria da poter decidere di far vincere la meno titolata/veloce (è di una volata che stiamo parlando), hanno infine regalato il successo a un'estranea, che nella fattispecie risponde al nome di Ruby Roseman-Gannon.

25enne campionessa australiana su strada in carica, forte in salita e con ottimo spunto veloce, in pratica Ruby Roseman-Gannon è un'atleta da classiche che potrà ritagliarsi degli spazi anche nei grandi giri; nel Tour of Britain finito oggi l'abbiamo vista lavorare per Letizia Paternoster, nell'ultima tappa però ha fatto da sé e ha trovato il pertugio giusto che le ha permesso di regalare un grosso dispiacere alla formazione dominatrice della scena, e però di donare a se stessa un successo memorabile (il secondo da professionista dopo appunto il titolo nazionale ottenuto in gennaio) e alla Liv AlUla Jayco un bel riscontro per quanto fatto in questi giorni d'oltremanica.

La corsa poi la porta a casa Lotte Kopecky, al termine di quattro giorni - come detto - di dominio totale da parte della SD Worx, e tutto ciò è ottimo per il plurititolato team, ma la beffa di Manchester resterà negli annali: erano in tre, con Christine Majerus a essere scortata a sinistra da Kopecky e alle spalle da Lorena Wiebes, nella volata che stava decidendo la frazione conclusiva. E il gioco sarebbe pure riuscito se la lussemburghese - in quel modo omaggiata dalle compagne per il tanto lavoro quotidianamente svolto - non si fosse fatta prendere dalla frenesia di esultare con un attimo d'anticipo, venendo così bruciata sulla linea d'arrivo da Roseman-Gannon che si inseriva da dietro al suo fianco.

Wiebes avrà rivissuto momenti di incubo, dato che proprio lei, appena un mese e mezzo fa, nell'Amstel Gold Race si fece beffare allo stesso modo, in quel caso da Marianne Vos.

Tour of Britain, la cronaca della quarta tappa

Lotte Kopecky sale sul palco a ricevere i meritati onori per il suo successo finale © Tour of Britain
Lotte Kopecky sale sul palco a ricevere i meritati onori per il suo successo finale © Tour of Britain

Da Manchester a Manchester (in realtà al sobborgo di Leigh), 99.2 km per la quarta e ultima tappa del Tour of Britain 2024. Ci si aspettava pressappoco una frazione da volata, e invece c'è stata tanta selezione. Dopo una serie di tentativi in avvio, l'azione più vibrante della prima fase l'ha condotta Lizzie Deignan (Lidl-Trek), scattata sulla salita di Grains Bar ai -83, riuscita a mettere insieme 45" di margine e transitata per prima anche al Gpm di Ramsbottom Rake ai -56 (assicurandosi così la relativa classifica), prima di essere ripresa ai -40 da un'avanguardia del gruppo già piuttosto selezionato dai colpi della SD Worx-Protime, la quale ha spinto molto sotto la pioggia incessante e soprattutto nel vento che ha anche concorso a frazionare il plotone stesso.

Christine Majerus (SD Worx) ha vinto lo sprint intermedio di Horwich ai -22, poi Anna Henderson (Nazionale Gran Bretagna) ha tentato una breve sortita, ma soprattutto ai -19 la leader Lotte Kopecky (SD Worx) s'è avvantaggiata con la stessa Henderson, con Pfeiffer Georgi (DSM-Firmenich PostNL) e Letizia Paternoster (Liv AlUla Jayco).

Non sono mancati gli attacchi in questo gruppetto, ai -14 ci hanno provato prima Paternoster e poi Georgi, intanto da dietro emergeva dal secondo gruppo Lorena Wiebes (SD Worx), rientrata sulle prime ai -10. Un attimo dopo è però rientrato il drappellone, ed eravamo punto e a capo. L'ultimo tentativo l'hanno messo in atto Franziska Koch (DSM), Flora Perkins (Gran Bretagna), Elena Cecchini (SD Worx) e Ruby Roseman-Gannon (Liv) tra i -8 e i -5, dopodiché le posizioni si sono rinserrate e ci si è orientati allo sprint finale.

Sfortuna Paternoster, disastro SD Worx

Sprint da cui Paternoster è stata tirata fuori da una foratura ai 4 km. Un guaio che le è costato carissimo, visto che le ha fatto accumulare 10" di ritardo che in classifica hanno significato perdere il podio. La volata è stata dominata dalla SD Worx: Kopecky si è messa a trenare ai 500 metri e, uscita con qualche metro di vantaggio dall'ultima curva ai 200 metri, avrebbe anche potuto tirar dritta e vincere: non l'avrebbero ripresa.

Alle spalle di Lotte c'era Majerus che - sulla carta - tirava la volata a Wiebes, che era alla sua ruota. Ma Lorena non è mai uscita dalla ruota di Christine, incitandola anzi a gran voce a fare lei lo sprint, incurante del fatto che lì in zona si aggirasse Ruby Roseman-Gannon. Di fatto la scena finale è stata questa: Kopecky che rallenta e si allarga a sinistra aspettando che passino le compagne; Wiebes che non fa lo sprint, Majerus che lo fa ma che esulta due metri prima della linea d'arrivo, facendosi così infilare da Roseman-Gannon, intervenuta a rovinare la festa apparecchiata per la SD Worx.

Fa specie l'ordine d'arrivo con Roseman-Gannon a precedere le tre sventate, Majerus, Wiebes e Kopecky in sequenza. Eline Jansen (VolkerWessels) si è presa il quinto posto davanti a Pfeiffer Georgi. La corsa la vince Lotte Kopecky con 17" su Anna Henderson, 34" su Christine Majerus (quattro posizioni recuperate) e 38" su Georgi. Letizia Paternoster a causa della citata foratura scivola dalla terza alla quinta posizione a 40" da Kopecky.

Results powered by FirstCycling.com

Lampaert è il solito trattore: sua la crono d'apertura del Giro di Svizzera
Herregodts si prende lo ZLM Tour, Salby vince l'ultima tappa, terzo Mareczko
Marco Grassi
Giornalista in prova, ciclista mai sbocciato, musicista mancato, comunista disperato. Per il resto, tutto ok!