Pieter Weening vince sul Grossglockner
Pieter Weening vince sul Grossglockner

Austria, capolavoro di Weening sul Grossglockner; Sterbini 3°, Nibali 4°, Hermans leader

Nella quinta tappa del Tour of Austria con arrivo in salita al mitico Grossglockner è arrivata una splendida vittoria dell’olandese Pieter Weening: sotto la pioggia, il 37enne della Roompot-Nederlandse Loterij ha attaccato da lontano sull’ascesa finale ed è riuscito a cogliere la prima vittoria del 2018 dopo esserci andato vicino, sempre in una tappa di montagna, al Tour of Croatia.

La tappa era molto breve, soli 92.9 chilometri, ma l’ascesa finale era interminabile. La prima parte di corsa, che comprendeva anche un gpm di prima categoria, è stata caratterizzata da una fuga di 13 corridori in cui figuravano anche gli italiani Antonio Nibali (Bahrain-Merida), Davide Orrico (Vorarlberg) e Umberto Orsini (Bardiani-CSF).

Sulle prime rampe del Grossglockner, a più di 15 chilometri dall’arrivo, dal gruppo è partito Pieter Weening che si è lanciato all’inseguimento dei fuggitivi che al momento dello scatto avevano più di due minuti e mezzo di vantaggio: Weening ha superato tutti grazie anche all’appoggio del compagno di squadra Van Empel, poi a 5 km dall’arrivo ha staccato anche l’ultimo superstite Antonio Nibali.

Pieter Weening ha tagliato il traguardo da solo con ben 48″ di vantaggio sul russo Alexander Foliforov che era uscito dal gruppo approfittando della scarsa marcatura nei suoi confronti, stessa cosa fatta da Simone Sterbini (Bardiani) che ha chiuso terzo a 1’10”. Molto bravo e generoso Antonio Nibali che, nonostante la lunga fuga, è riuscito a resistere al rientro degli uomini di classifica per chiudere quarto a 1’25”. Distacchi minimi per quanto riguarda la generale: Moreno e Zoidl hanno guadagnato 4″ su Ben Hermans e Hermann Pernsteiner che restano quindi primo e secondo, Dario Cataldo perde 27″ ma è sempre terzo in classifica

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile