Arnaud Démare vince alla Route d'Occitanie © Route d'Occitanie
Arnaud Démare vince alla Route d'Occitanie © Route d'Occitanie

Route d’Occitanie, tutto facile per Arnaud Démare. Ancora terzo Jacopo Mosca

Volatona doveva essere e volata è stata nella seconda tappa della Route d’Occitanie. E il pronostico è stato confermato in pieno: la Villefranche de Rouergue-Auch di 198.7 km ha visto la netta vittoria di Arnaud Démare. Per il ventinovenne della Groupama-FDJ è l’ottava affermazione stagionale. Procede quindi spedito il cammino di avvicinamento in vista del Tour de France, suo grande obiettivo dell’anno.

Il francese ha superato il venezuelano Orluis Aular (Caja Rural-Seguros RGA) e il piemontese Jacopo Mosca (Trek-Segafredo), che ripete così il piazzamento ottenuto ieri. Seguono il francese Lorrenzo Manzin (Total Direct Energie), lo spagnolo David González (Caja Rural-Seguros RGA), i francesi Romain Hardy (Team Arkéa-Samsic) e Thomas Boudat (Team Arkéa-Samsic), il veneto Andrea Vendrame (AG2R Citroën), il belga Emiel Vermeulen (Xelliss-Roubaix Lille Métropole) e lo spagnolo Lluis Mas (Movistar Team).

Vincitore con un bell’assolo giovedì, Andrea Vendrame conserva la maglia di capoclassifica con 6″ su Mosca. Per il trevigiano sarà molto difficile sperare di mantenere il simbolo del primato anche al termine della frazione di domani, la Pierrefitte Nestalas-Mourtis di 191.8 km: dopo 29 km dal via si inizia a scalare nientemeno che il Tourmalet dal versante di Luz Saint Sauveur mentre nel finale, dopo il Col de Larrieu, i corridori dovranno affrontare la salita conclusiva di 12.6 km al 6.5% di pendenza media.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile