La vittoria di Caleb Ewan nella 3a tappa del Giro del Belgio © PhotoNews
La vittoria di Caleb Ewan nella 3a tappa del Giro del Belgio © PhotoNews

Giro e polemiche alle spalle, Caleb Ewan riprende a vincere al Baloise Belgium Tour

Caleb Ewan guarda al Tour de France e con una bella vittoria nella terza tappa del Baloise Belgium Tour, il Giro del Belgio, si lascia definitivamente alle spalle le polemiche per il ritiro anticipato al Giro d’Italia dopo aver conquistato due frazioni allo sprint. Proprio la gara a tappe belga segna il ritorno in gruppo dell’australiano della Lotto Soudal dopo la corsa rosa ed alla prima occasione utile è subito riuscito a lasciare il segno: 174.7 chilometri prevalentemente pianeggianti erano quelli in programma oggi ed il gruppo si è presentato compatto sul rettilineo finale di Scherpenheuvel-Zichem.

Ad evitare la volata ci hanno provato con una fuga da lontano Cedric Beullens (Sport Vlaanderen-Baloise), Laurens Sweeck (Pauwels Sauzen-Bingoal), Andreas Goeman (Tarteletto-Isorex), Jan-Willem Van Schip (Beat) ed un generoso Mirco Maestri (Bardiani-CSF-Faizanè), ultimo ad arrendersi a soli 3 chilometri dall’arrivo. Con il gruppo compattato è stata la Lotto Soudal a prendere in mano le operazioni ed il lavoro dei compagni di Caleb Ewan è stato perfetto e l’australiano ha potuto lanciarsi in maniera ideale per lo sprint, facendo subito la differenza in accelerazione come suo solito. Netta la vittoria, la quarta stagionale per Ewan.

Resta invece ancora a secco il tedesco Pascal Ackermann, oggi secondo ma mai in grado di mettere in discussione il successo di Caleb Ewan. A seguire terza posizione per il danese Michael Mørkøv che ha cercato il piazzamento personale dopo che Mark Cavendish è rimasto chiuso nelle ultime centinaia di metri, quarto è arrivato Danny van Poppel, quinto Matteo Moschetti, sesto Timothy Dupont, settimo Olav Kooij, ottavo Bryan Coquard, nono il giovane figlio d’arte Thibau Nys e decimo Nils Eeckhoff. Nessuna novità in classifica con Remco Evenepoel sempre saldamente al comando.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile