Trionfo di Emma Norsgaard a Colico © Bettiniphoto
Trionfo di Emma Norsgaard a Colico © Bettiniphoto

Al Giro d’Italia Donne è il giorno di Emma Norsgaard, quarta Marta Bastianelli

In questa prima parte di stagione la 22enne Emma Norsgaard è stata probabilmente la velocista più costante ad alti livello, ed oggi questo suo ottimo rendimento è stato premiato con la prima vittoria di tappa in carriera al Giro d’Italia Donne. Ieri a Carugate la giovane e possente atleta della Movistar si era dovuta inchinare alla rivale Lorena Wiebes: con questo centro diventano sei i successi stagionali, venticinque sono invece i piazzamenti in top10 ottenuti solo in questo 2021.

La tappa odierna del Giro d’Italia Donne era sostanzialmente un giro completo del Lago di Como con partenza e arrivo a Colico ed un totale di circa 157 chilometri: tracciato ondulato, ma nel complesso non particolarmente impegnativo. La fuga di giornata ha visto come protagoniste due atlete di assoluto spessore come Elisa Longo Borghini e Ashleigh Moolman: ad avviare questo tentativo è stata proprio la campionessa italiana dopo una sessantina di chilometri di gara, ma la portacolori della Trek-Segafredo sperava forse di trovare una collaborazione più numerosa.

La sudafricana Moolman, seconda in classifica, ha fatto la sua parte ma si tratta pur sempre di un’atleta con caratteristiche da scalatrice: la SD Worx ha ovviamente lasciato fare, ma quanto il vantaggio delle due battistrada ha superato i 2’20” da dietro sono entrate in azione le squadre delle velociste, in particolare il Team DSM che dopo la vittoria di ieri con Lorena Wiebes, aveva già annunciato che oggi avrebbe lavorare per la statunitense Coryn Rivera, e così è stato.

Il finale in quel di Colico è stato velocissimo e questo ha aiutato una ciclista potente come Emma Norsgaard che in volata ha avuto la meglio proprio su Coryn Rivera, mentre terza è arrivata la sempre presente Marianne Vos. Come accaduto anche ieri, il podio di tappa è stato tutto straniero, ma nelle prime 10 posizioni dell’ordine d’arrivo si sono affacciate numerose atlete italiana: la migliore è stata di nuovo Marta Bastianelli (Alé BTC) che oggi ha chiuso quarta, poi troviamo Ilaria Sanguineti (Valcar) al settimo posto Sofia Bertizzolo (Liv) all’ottavo, Maria Vittoria Sperotto (AR Monex) al nono ed Elena Cecchini (SD Worx) al decimo.

In classifica generale tutto è rimasto invariato con Anna van der Breggen in maglia rosa: domani è in programma la settima tappa caratterizzata da un circuito vallonato a Puegnago del Garda.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile