Jasper Philipsen batte Fabio Jakobsen a Burgos © Vuelta a España-Cxcling
Jasper Philipsen batte Fabio Jakobsen a Burgos © Vuelta a España-Cxcling

Philipsen vince la prima volata della Vuelta 2021, podio Jakobsen-Matthews

Una frazione del tutto interlocutoria la seconda tappa della Vuelta a España 2021, da Caleruega a Burgos-Gamonal di 166.7 km, percorso pianeggiante e finale già scritto per un volatone puntualmente verificatosi. La vittoria è andata a Jasper Philipsen, quinta affermazione stagionale per il 23enne belga della Alpecin-Fenix che oggi ha preceduto Fabio Jakobsen (Deceuninck-Quick Step), Michael Matthews (BikeExchange), Juan Sebastián Molano (UAE-Emirates), Alex Aranburu (Astana-Premier Tech), Jon Aberasturi (Caja Rural-Seguros RGA), Martin Laas (Bora-Hansgrohe), Riccardo Minali (Intermarché-Wanty), Floria Vermeersch (Lotto Soudal) e Piet Allegaert (Cofidis, Solutions Crédits); 12esimo posto per Alberto Dainese (DSM).

L’intera tappa era vissuta su una fuga a tre animata dai corridori delle Professional di casa: Diego Rubio (Burgos-BH), Sergio Roman Martín (Caja Rural) e Xabier Mikel Azparren (Euskaltel-Euskadi) erano partiti al km 0 e avevano messo insieme un vantaggio massimo sfiorante i 4′ dopo una quindicina di chilometri, dopodiché erano stati tenuti sotto controllo dal gruppo; a 32 km dalla fine Rubio aveva poi staccato i due colleghi rimanendo da solo al comando fino ai -21, quando era stato infine ripreso. Di lì a poco, ai -16, il traguardo volante di Tardajos era stato vinto da Jakobsen su Aranburu, e coi 2″ ivi conquistati lo spagnolo dell’Astana ha ridotto a 4″ il distacco da Primoz Roglic (Jumbo-Visma), leader della classifica dopo la crono d’apertura.

La generale prosegue con Matthews al terzo posto a 10″, stesso distacco di Josef Cerny (Deceuninck) quarto, quindi troviamo Dylan Van Baarle (Ineos Grenadiers) a 11″, Andrea Bagioli (Deceuninck) a 12″, Aleksandr Vlasov (Astana) a 14″, Jan Polanc (UAE) e Sepp Kuss (Jumbo-Visma) a 15″, Chad Haga e Romain Bardet (entrambi della DSM) a 17″. Domani la terza tappa porterà il gruppo da Santo Domingo de Silos a Espinosa de Los Monteros, dove si scalerà il Picón Blanco negli ultimi sei chilometri prima del traguardo: un classico arrivo garagistico tipico della Vuelta.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile