I francesi Thomas e Grondin hanno vinto la Sei Giorni delle Rose © Sei Giorni delle Rose
I francesi Thomas e Grondin hanno vinto la Sei Giorni delle Rose © Sei Giorni delle Rose

Sei Giorni delle Rose, trionfano i francesi Thomas e Grondin. Secondi Viviani e Consonni

I francesi Benjamin Thomas e Donavan Grondin si sono aggiudicati la gara a coppie maschile della 24esima Sei Giorni delle Rose al velodromo ”Attilio Pavesi” di Fiorenzuola, dove sabato sera un’altra coppia francese, quella formata da Marie Le Net e Clara Copponi, si era aggiudicata la gara a coppie femminile.

Thomas, campione del mondo dell’omnium, e Grondin nell’ultima serata hanno rimontato sui russi Ilia Shchegolkov e Vlas Shichkin, che hanno chiuso in quarta posizione. Secondo posto per la coppia formata da Elia Viviani e Simone Consonni, mentre terzi hanno chiuso gli svizzeri Thery Schir e Tristan Marguet (per la settima volta sul podio a Fiorenzuola). Alla fine la classifica recita: 85 punti per Thomas e Grondin, 48 per Viviani e Consonni, 45 per Schir e Marguet e 45 per Shchegolkov e Shichkin, peggio piazzati degli svizzeri nell’ultimo sprint. Un podio prestigioso, anticipazione della sfida che vedremo alle Olimpiadi di Tokyo, dove torna anche la madison dopo 13 anni di assenza dal programma olimpico.

A vincere il giro lanciato erano stati anche ieri sera i polacchi Bartosz Rudjk e Wojtech Pszcolarski con il tempo di 20″902, davanti ai fratelli greci Christos e Zafeiris Volikakis, 21″090, poi Thomas e Grondin con 21″128.

Non c’è stata solo la gara maschile a coppie nell’ultima giornata: il programma si è aperto con lo scratch femminile di classe 1, vinto da Vittoria Guazzini che ha coronato un bell’attacco portato in compagnia della bielorussia Nastassia Kiptsikava. Terza piazza per Martina Fidanza, che al velodromo Pavesi aveva vinto a ottobre il campionato europeo Under 23 proprio in questa specialità.

C’è stato spazio anche per lo scratch, sempre di classe 1, riservato agli Uomini Under 23, conquistato dal tedesco Laurin Drescher davanti all’austriaco Valentin Goetzinger e al parmense Mattia Pinazzi. Spettacolare la corsa a punti femminile, con un podio interamente azzurro: a vincere è stata ancora Guazzini, dominatrice con 28 punti, secondo posto per Martina Alzini con 17 e terzo per Fidanza, che ha chiuso a 15. Giù dal podio la bielorussa Sharakova (14 punti).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile