Il calendario degli appuntamenti per la stagione ciclistica 2022-2023

20.12.2022 19:33

Per quanto riguarda il mondo del ciclismo sono stati già pubblicati i molti appuntamenti in calendario che andranno a caratterizzare l’avvio del 2023, dove vedremo cosa ci attende nel corso di nove mesi intensi e ricchi di gare da non perdere.

Tutte le gare che andranno a caratterizzare la stagione ciclistica per il 2023

Un calendario che sarà costituito, come da tradizione, dai grandi giri, dalle Classiche Monumento, da Mondiali ed Europei, fino a contemplare anche tutte quelle corse minori che vanno ad arricchire irrobustendo un calendario già di suo più che importante e strutturato. Come da tradizione si parte quindi con il grande ritorno delle gare che andranno a svolgersi in Australia. Sarà quindi il Tour Down Under del prossimo 17 gennaio il primo evento degno di nota per il ciclismo del 2023. A seguire torna invece la Cadel Evans Great Ocean Road Race, ma sarà poi febbraio il mese in cui torneranno le gare su strada con una certa continuità, a partire dal Giro degli Emirati Arabi Uniti, che andrà a caratterizzare la settimana finale del mese. Per quello che riguarda invece il calendario nazionale, in Italia la prima data da segnare per gli appassionati di ciclismo è quella del classico Trofeo Laigueglia, a cui farà seguito poi una serie di corse sempre più importanti, a partire dalla Strade Bianche, subito seguita dalla Tirreno-Adriatica, mente sponda francese e sempre durante la prima parte di marzo, ci sarà spazio anche per la Parigi-Nizza, in programma tra il 5 e il 12 marzo 2023.

Dalla Parigi-Nizza alla Milano-Sanremo, aspettando il Giro d’Italia

Qualche giorno dopo toccherà invece alla Milano-Sanremo, programmata per il 18 marzo. Una gara quella sopracitata che non ha bisogno di grandi presentazioni, dato che è entrata ormai nell’immaginario collettivo, non solo per tutti quegli appassionati di ciclismo sparsi in Italia e nel resto d’Europa, ma anche per tutti gli esperti di sport che conoscono abbastanza bene l’argomento. A seguire ci sono poi appuntamenti da non perdere come il Giro delle Fiandre, la Parigi-Roubaix e naturalmente la Liegi-Bastogne-Liegi, in programma per il 23 aprile. Arrivati a questo punto il climax sarà ideale per iniziare a concentrarsi sul prossimo Giro d’Italia 2023, che sarà come già nelle ultime stagioni anticipato dal Giro di Sicilia, tra l’11 e il 14 aprile, seguito dal Tour of the Alps e poi dal Giro di Romandia.

Un calendario che quindi diventa sempre più intenso quando la primavera incalza, offrendo a tutti gli appassionati di ciclismo di seguire ogni appuntamento nella giusta cornice e nel contesto ideale per chi in questo periodo dell’anno soffre un po’ la mancanza di eventi e gare di grande portata.

La stagione del ciclocross per gli irriducibili appassionati di gare in bicicletta

Per quanto riguarda il periodo attuale, quello diciamo natalizio, c’è l’attività del ciclocross, che sta avendo sempre più seguito, in attesa della ripresa delle attività agonistiche su strada. In effetti questo periodo dell’anno è da sempre necessario per i corridori per iniziare la preparazione atletica ed essere poi pronti ai tanti appuntamenti che già da febbraio andranno a creare una rete di gare da seguire. Il ciclocross però nel corso degli anni ha avuto sempre più seguito, tanto che oggi conta un numero crescente di appassionati e di addetti ai lavori che lo seguono in modo costante e quotidiano. Una specialità in cui non ci sono limiti e non mancano affatto momenti di grande spettacolarità e di intensità, dovuti in larga parte a vere e proprie sfide nel fango, visto che il periodo dell’anno in cui viene svolta tale attività è caratterizzato da freddo, acqua, vento e in qualche caso anche dalla neve. Come è avvenuto ad esempio in Val di Sole, dove proprio la neve ha fatto da protagonista e da sfondo ideale per la piccola località di Vermiglio. I principali personaggi che negli ultimi anni hanno caratterizzato il ciclocross (pensiamo a Mathieu van der Poel e Wout van Aert su tutti, ma possiamo citare anche Tom Pidcock, Tim Merlier e Quentin Hermans tra gli altri) si sono successivamente spostati anche nelle gare su strada, e facendo benissimo anche in queste ultime hanno dato vita a un circuito virtuoso che ha riportato allo stesso ciclocross un gran numero di spettatori e telespettatori: chi aveva imparato a conoscere Van Aert e Van der Poel (e a tifare per loro) nelle classiche su strada e nei grandi giri, oggi li cerca e li segue anche quando tornano al loro primo amore, appunto le competizioni nel fango, le quali da diversi anni stanno conoscendo un vero picco di popolarità.

Il tema delle scommesse sportive oggi

Per quanto riguarda il contesto delle scommesse sportive possiamo vedere come l’interesse degli appassionati e quello degli addetti ai lavori sia aumentato, specialmente per merito del betting online, soluzione ideale per non perdere nessuna gara ed evento sportivo in programma. Possiamo vedere come ogni settimana vi siano infatti sfide da seguire con il fiato sospeso, in qualsiasi contesto e disciplina possibile. Un calendario davvero fitto di appuntamenti, che ora possiamo seguire direttamente dal nostro smartphone, senza grandi sforzi, come avveniva invece in passato per gli sport considerati minori, in base al seguito del pubblico e dell’attenzione mediatica generale.

Di Bini in meglio
È ufficiale il percorso 2023 del Tour de Romandie