Johnny Hoogerland sulle strade della Carinzia © Pension Hoogerland
Professionisti

Clamoroso negli Emirati: Johnny Hoogerland torna a correre!

A sette anni dal ritiro l'olandese sarà in gara con una squadra locale nello Sharjah Tour in partenza venerdì 27: un'iniziativa promozionale per aiutare la diffusione del ciclismo nel paese arabo

24.01.2023 21:10

Una notizia totalmente inaspettata arriva dagli Emirati Arabi Uniti: Johnny Hoogerland parteciperà al Tour of Sharjah, in programma dal 27 al 31 gennaio, difendendo i colori dello Shabab Al Ahli Cycling Team, squadra in cui dall'anno scorso corre pure Grega Bole, che nel 2022 vinse proprio il Tour of Sharjah. A riportare la notizia è il sito ProCyclingStats che ha ricevuto dal corridore stesso la conferma del suo ritorno in una corsa UCI a 7 anni dal ritiro dal professionismo.

Johnny Hoogerland, 39 anni, è stato un ciclista professionista per 14 anni e ha indossato maglie prestigiose come quelle di Vacansoleil, Androni Giocattoli e Roompot ma viene ricordato - oltre che per la sua indole di attaccante - soprattutto per una brutta caduta al Tour de France 2011 quando venne colpito, insieme al compagno di fuga Juan Antonio Flecha, dalla macchina della France Television e fu sbalzato al di fuori della sede stradale, dove finì su una recinzione con il filo spinato.

In questi anni con la moglie Gerda ha gestito in Carinzia la Pension Hoogerland, un hotel orientato ai ciclisti, scelta di cui Johnny si dichiara entusiasta: “La vita è fantastica qui, mi considero molto fortunato".

Alla domanda se questo sarà il preludio ad un vero e proprio ritorno alle corse, Hoogerland chiude le porte a questa opzione: “No, non proprio, per ora è solo questa gara e poi tornerò in Carinzia ma è fantastico far parte di una squadra che sta cercando di promuovere il ciclismo negli Emirati Arabi Uniti, un team che offre una piattaforma ai giovani talenti di questa regione; sono davvero ambiziosi con il ciclismo, è molto bello vedere quello che stanno facendo”.

Juan Pedro López prepara il ritorno
Vuelta a San Juan, Quinn Simmons mette nel sacco il gruppo